Consigli in caso di sinistro stradale

  • Quando sei vittima di un SINISTRO STRADALE NON GRAVE con o senza feriti mantieni la calma e cerca di compilare la constatazione amichevole al meglio:
    fai attenzione alle caselle che barri;
    fai il disegno meglio che puoi (non serve essere Giotto, l’importante è che si comprendano le direzioni dei veicoli ed il punto d’urto);
    se ci sono testimoni reperibili al momento dell’evento (esempio: persone trasportate), immetti il loro nome nella constatazione amichevole;
    sei hai danneggiato oggetti nell’urto (es. telefonino, pc, vestiario ecc..) immetti l’elenco di essi in constatazione amichevole e poi conservali a casa finchè non verranno visionati da un perito;
    se ci sono contestazioni con la tua controparte circa la dinamica e le eventuali responsabilità, contatta le Autorità (Carabinieri, Polizia Stradale), anche se si tratta solo di un danno al veicolo senza feriti.
    Se contatti le Autorità cerca di lasciare i veicoli in stato di quiete, qualora non creino intralcio alla circolazione (nella posizione in cui si sono fermati in seguito all’urto) sino all’arrivo di esse; se non è possibile, scatta delle foto (se ne hai la possibilità) e poi sposta i veicoli.
  • Se credi di essere stato vittima di un ERRORE MEDICO richiedi sempre, il prima possibile, tutta la documentazione medica presso l’ospedale ove hai ricevuto le cure (cartelle cliniche); mentre ricevi le cure se ti è possibile controlla che l’iter sia correttamente riportato in esse.
  • COLPI DI FRUSTA. Non è vero che le Compagnie assicuratrici non li pagano più. E’ però bene sapere che è stata varata una legge nel 2012 (Legge 27/2012, una Legge c.d. “anti-frode”) con la quale si è stabilito che l’invalidità permanente all’interno dei c.d. micro danni (tra cui i colpi di frusta, appunto) verrà risarcita solo se verranno esibiti gli esami strumentali (rx, rmn, tac ecc..) comprovanti la lesione patita. Hai comunque sempre diritto alle altre poste di danno: l’inabilità temporanea, il rimborso delle spese di cura, l’eventuale mancato guadagno.
  • RCA. Leggi sempre il testo contrattuale, specificatamente circa l’eventuale adozione della scatola nera e della scelta della carrozzeria “convenzionata”. Se ne hai una di fiducia, dunque, fai attenzione a tale nota contrattuale, poiché in caso di sinistro con danno al tuo veicolo potrai si rivolgerti alla tua carrozzeria di fiducia (NON E’ UN OBBLIGO RIVOLGERSI A QUELLE CONVENZIONATE CON LA COMPAGNIA ASSICURATRICE), ma potrebbe rimanerti a carico una piccola cifra monetaria.
  • Quando stipuli una POLIZZA INFORTUNI leggi sempre le disposizioni contrattuali non solo quelle specifiche, ma anche e soprattutto quelle generiche. Ricorda che le tabelle Inail sono da preferire a quelle Ania, poiché più favorevoli e che la percentuale di franchigia dovrebbe essere il più basso possibile, poiché è la parte di danno che rimarrà a carico tuo.
  • Se sei vittima di un sinistro in ambito RESPONSABILITA’ CIVILE GENERICA (caduta su buca stradale, caduta su spazio pubblico o privato non correttamente mantenuto ecc..) ricordati sempre di scattare le foto della causa della caduta e del danno e di reperire le testimonianze degli eventuali testimoni. Scatta altresì le foto del punto di impatto e del tratto stradale in cui è avvenuto il sinistro; anche in tale ambito saranno utili le testimonianze di eventuali testimoni.
  • Se sei vittima di un sinistro con animale selvatico ricordati di chiamare immediatamente le Autorità, meglio ancora la Guardia Forestale (Corpo competente); scatta foto dei danni al veicolo, dell’animale o delle tracce di esso sul veicolo se fuggito, nonché del tratto stradale ove è avvenuto l’impatto.